Il cortile scolastico, una grande risorsa

25 Maggio 2021

   |   

Paola Maestroni

I nuovi stili di vita hanno profondamente modificato la nostra esistenza. Noi stessi siamo fortemente condizionati dai nuovi media digitali, sempre più invasivi e totalizzanti, e ancora lo sono stati i nostri figli e i loro figli (… gli anni passano). Un fiume in piena di notizie (vere o false), paure e preoccupazioni indotte, portano i genitori di oggi a vigilare costantemente sui loro figli, negandogli così tutta una serie di esperienze fondamentali per la loro crescita: primo fra tutti l’autonomia, poi le relazioni e l’auto-regolazione, tutte cose che contraddistinguono il gioco libero. Le vie e le piazze delle nostre città si sono così svuotate di bambini: non se ne vedono più, non solo giocare, ma neanche camminare, da soli o con altri amici per strada…  Come se la città non fosse un posto per loro! In questa realtà, se consideriamo che l’architettura è essenzialmente la manipolazione dello spazio per soddisfare specifiche esigenze, proprio in considerazione delle effettive necessità dei bambini, è fondamentale che non solo i cortili delle scuole dell’infanzia, ma anche e soprattutto quelli delle scuole primarie, vengano ripensati e diventino veramente delle grandi aule per il gioco all’aperto, individuale, parallelo e collettivo.Per il gioco, come per lo sport, spazio e tempo sono fattori importanti e necessari ma, mentre le discipline sportive si insegnano, i giochi si praticano e si apprendono informalmente: non si va a lezione di gioco. Per i bambini, di qualsiasi età, c’è solo il bisogno di tempo e di spazio per incontrarsi, per ritrovarsi insieme e il gioco nasce spontaneo.

Morra saltata con stemma

Per le discipline sportive oggi si investono tante energie, risorse e grandi aree che spesso vengono usate saltuariamente, su appuntamento, per fasce d’età separate e prevalentemente monosessuali. Per i cortili delle scuole, indispensabili per la pratica di attività formative, invece, non ci sono risorse adeguate. Eppure, per valorizzare, rigenerare e vitalizzare gli spazi di pertinenza delle scuole, spesso basterebbero interventi semplici e poco costosi.

I cortili scolastici, opportunamente articolati in diversi ambiti e permeabili tra loro, possono diventare una grande risorsa per sperimentare, imparare e crescere e dove poter anche svolgere tutte quelle attività altrimenti impraticabili altrove: recuperare, scoprire e tramandare modalità di gioco della tradizione popolare. Questi sono per UNESCO un bene immateriale da salvaguardare, che sviluppano e incentivano valenze di socialità e di autoregolazione indispensabili per la crescita dei giovani cittadini. Avere dei limiti aiuta i bambini ad allenare la negoziazione e la capacità di attendere, di rinunciare e di mediare. Rispettare le regole gli aiuta a comprendere che, al di fuori di loro, c’è una realtà che esiste e che va considerata.

Scuola primaria di Chivasso

Per i bambini, di qualsiasi età, c’è solo il bisogno di tempo e di spazio per incontrarsi, per ritrovarsi insieme… e il gioco nasce spontaneo.
Per approfondimenti: www.ludendo.it